Come comunicare correttamente con i designer senza frustrare la loro creatività

Io so disegnare molto bene gli omini stilizzati. Veramente: se ci fosse un concorso di disegno di omini stilizzati, io vincerei sicuramente sicuramente il primo premio.

Questa abilità non fa di me un designer.

Allo stesso modo, sapere come mettere insieme qualche parla per formare una frase usando un laptop oppure le tradizionali carta e matita non fa di me uno scrittore.

Designer e non designer collaborano quotidianamente nei progetti: produrre un contenuto, un’interfaccia o una campagna social per un cliente comporta il lavoro di tutta l’equipe, e tutti sono tenuti ad avere una comunicazione efficace per raggiungere l’obiettivo.

Nel caso del design, questa comunicazione avviene principalmente sotto forma di feedback, ossia di osservazioni fatte sulla base di una proposta visuale già presentata.

Quando fornisci un feedback ai tuoi designer, sii consapevole che cio’ che dici potrebbe semplicemente distruggere la loro creatività.

Un buon design permette di raggiungere un obiettivo. Un buon feedback permette che questo succeda.

Un buon design permette di raggiungere un obiettivo. Un buon feedback permette che questo succeda.

Quando il feedback è miseramente sbagliato.

Non c’è niente di peggio di un povero designer sminuito nel suo ruolo che agisce come un burattino creativo.

Un designer approccia ogni progetto con il suo gusto.

Dopo aver ricevuto l’incarico inizia immediatamente le sue ricerche, fa le sue prove, tira giu’ degli sketch, esprime insomma graficamente le sue idee. Dopo aver fatto questo presenta al cliente, e spesso viene deluso.

Perchè i designer vengono sempre feriti nella loro professionalità benchè abbiano fatto del loro meglio? Ma ancora, non dovrebbero ad un certo punto della loro carriera avere una pelle cosi’ spessa da far rimbalzare ogni osservazione crudele che ricevono?

Lasciate che io chiarisca una cosa:

i designers non mettono il broncio perchè a un cliente non piace quello che hanno creato: mettono il broncio quando il feedback che hanno ricevuto, quasi sempre vago o con richieste strane, blocca la loro creatività.

Immaginate che uno dei miei designers di Com2nice abbia progettato per voi una landing page. Non vi piaceva il modo in cui aveva concepito la form di contatto e immediatamente gli avete abbaiato che lo sfondo di quella form doveva essere di colore rosso. Perchè? Perchè il rosso vi colpisce di piu’. Forse il rosso per voi ha un significato che colpisce nel profondo i vostri sentimenti…

Il designer va miseramente a eseguire i cambiamenti desiderati, anche se sa che non corrispondono al tono, agli standard o al gusto del suo target di riferimento. Perchè il cliente ha sempre ragione, giusto?

Ovviamente, una volta che le modifiche sono state apportate, vi arrabbiate perchè il risultato non è all’altezza delle vostre aspettative. Bene, la vostra arrabbiatura avrebbe potuto essere evitata sei il vostro feedback avesse spinto il designer a pensare in modo creativo invece che a fare qualsiasi cosa gli fosse stato detto di fare.

Come si possono dare dei feedback efficaci nel design?

Per fare delle osservazioni efficaci ad un designer bisogna tenere in conto tre cose:

  1. Dare delle direttive che indichino la realizzazione di uno scopo o di un’esigenza precisi
  2. Lasciare spazio alla creatività
  3. Mantenere una mentalità aperta

Quando realizzerete l’importanza di ciascuna di queste tre componenti sate i maestri del feedback. Ed il vostro designer vi ringrazierà.

Dare delle direttive che indichino la realizzazione di uno scopo o di un’esigenza precisi

Cosi’ come alla fine di ogni arcobaleno c’è una pendola piena d’oro, ogni progetto di design ha un obiettivo finale.

Le vostre osservazioni dovrebbero essere improntate sul raggiungimento di tale obiettivo. Diversamente enterete in un ciclo senza fine di revisioni continue del design ed avrete un team creativo completamente frustrato, oltre ad essere frustrati voi stessi.

Tornando all’esempio della landing page e quella form di contatto che non vi piaceva, invece di dire al designer: “Fai il background di questa form di colore rosso”, provate a dire:

“Lo scopo di questa landing page è di indurre gli utenti ad inviare i loro contatti. Poichè il nostro obiettivo di conversione è del 20%, troviamo un modo per far risaltare maggiormente la form.”

Aspettate un attimo, che mi devo asciugare dal volto le lacrime di commozione… se solo tutti i feedback fossero dati in questo modo… basterebbe questo per far fiorire i progetti e per avere dei risultati bellissimi!

Nel nostro esempio, quindi, l’obiettivo è di convertire il 20% dei visitatori della landing page. Il designer, ed il resto del team, hanno il compito di creare una landing che tenga conto dell’obiettivo specifico. Inquadrando il feedback sull’obiettivo finale, il designer puo’ capire esattamente perchè e come è necessario apportare delle modifiche.

Il risultato finle di un progetto di design dovrebbe essere l’esecuzione di un design orientato all’obiettivo, orientato da congetture provenienti da sentimenti o da problemi di comunicazione.

Lasciare spazio alla creatività

Inquadrando il vostro feedback come un modo per indirizzare il progetto verso l’obiettivo finale, dovete consentire al tuo team di essere creativo e sviluppare idee. Dopotutto, non è per questo che avete assunto un designer e / o un team creativo?

I designers vivono di creatività, se non la possono esprimere diventano dei burattini. I vostri feedback dovrebbero spingerli a risolere creativamente un problema, non al completamento di un’attività col solo intento di sprintare verso un traguardo.

Quando voi dite “Considerando il nostro obiettivo di conversione, credo che il modulo di contatto debba risaltare di più”, il vostro designer pensa, “Oh, certo,potrei aggiungere contrasto sul pulsante, ingrandire il font, spostare gli elementi intorno …” . Le potenziali soluzioni diventano infinite.

Invece di abbaiare ordini ed esigere tempi di consegna irragionevoli, provate a porre domande e dichiarazioni con lo scopo di stimolare la creatività. Alla fine, il vantaggio sarà tutto vostro. (Ed anche del designer, che avrà un bel lavoro in piu’ da esibire nel portfolio).

Mantenere una mentalità aperta

Se volete un design fatto in un modo specifico e solo in quel modo, ditelo fin dall’inizio e date un modello da copiare. Il designer lo eseguirà,vi stringerà la mano ed ognuno proseguirà per la sua strada.

Se invece volete un design che soddisfi una certa necessità, mantenete una mentalità aperta e lasciate che sia la mente del designer ad esplorare le migliori soluzioni. Queste meravigliose persone creative potranno sorprendervi con delle soluzioni strabilianti che voi non credevate nemmeno fossero possibili.

Quando il designer vi presenta le sue idee, mantenete una mentalità a perta: potrebbero presentarvi delle idee chiave. Se invece avete una mentalità chiusa e li sottomettete alle vostre convinzioni, rischiate di chiedervi per sempre come il vostro progetto avrebbe potuto essere se…

Avete assunto un designer per essere creativo e produrre un contenuto che raggiunga un obiettivo specifico. Se non aveste bisogno del loro pensiero innovativo e della loro forma mentale visiva, non li avreste contattati.

Certo, potete essere critici nei confronti del lavoro prodotto, ma solo se la vostra critica è centrata intorno ad un obiettivo e se procedete con una mentalità aperta.

Perchè c’è bisogno di feedback che generino delle idee?

Un feedback stimolante e costruttivo è necessario per molteplici ragioni:

  1. Mantiene viva la creatività che a sua volta consente l’abbondanza di di soluzioni innovative per la vostra particolare esigenza.
  2. Mantiene l’equilibrio del lavoro di squadra corretto:questo include il lavoro di squadra, la comunicazione e la collaborazione con voi: i clienti.
  3. Mostra rispetto reciproco per la formazione, le abilità, la strategia ed il talento dell’altro. Sicuramente non credo che vi piacerebbe se qualcuno fornisse dei feedback terribili sulla vostra azienda.

Morale della storia: un feedback adeguato garantisce risultati di design ancora migliori. Quando volete che un designer vi aiuti a trovare una soluzione è itale fornire dei feedback che contribuiscano a produrre un risultato di qualità.